Venezia è la prima città d’Italia per gli investimenti immobiliari. La città lagunare è caratterizzata da un mercato in costante crescita grazie a una clientela internazionale, che costituisce il 70% delle vendite, e al 75% di investitori italiani che la scelgono per garantirsi una rendita economica derivante, spesso, da un affitto turistico. Sono i dati che emergono dall’indagine di Engel & Völkers.

Il 20% degli acquirenti stranieri sono soprattutto cittadini francesi seguiti dai tedeschi (10%) inglesi e statunitensi. Il 15% delle transazioni immobiliari, invece, è da ricondurre a clienti che risiedono in nazioni quali: Olanda, Belgio, Stati Uniti e Svizzera. La clientela italiana che sceglie di investire a Venezia può avere una rendita fino al 10% lordo rispetto al prezzo di acquisto dell’immobile. Solo un quarto degli acquirenti decide di comprare una residenza a Venezia per uso privato.

L’area veneziana più richiesta in termini di compravendite è la zona di Dorsoduro. Qui i prezzi variano da circa 5.500 a 7mila euro al mq con picchi fino a 12.000 euro al mq per immobili esclusivi sul Canal Grande. Il cuore della città resta però San Marco, dove il valore degli immobili si attesta tra i 4.500 e i 6mila euro al mq con picchi di 10mila euro al mq per immobili esclusivi. Il mercato immobiliare del Lido di Venezia, invece, è influenzato dalla stagionalità: il mercato degli affitti è in forte rialzo e le seconde case sono abitate soprattutto da acquirenti provenienti dall’Austria e dalla Germania.

Vuoi saperne di più? Rimaniamo in contatto!

13 + 11 =

Share This