Appuntamento imperdibile con il design delle superfici ceramiche e altri materiali e con l’arredo per il bagno a Cersaie 2019, Il Salone Internazionale della Ceramica per l’Architettura e dell’Arredobagno in programma a Bologna Fiere dal 23 al 27 settembre prossimo.

Cinque giorni in cui scoprire tutte le nuove tendenze del design delle superfici e dell’arredamento del bagno presentate in anteprima dalle aziende, nazionali e straniere, insieme a nuovi prodotti, materiali, forme e tecnologie. Diciotto i padiglioni in cui toccare con mano l’intera gamma di prodotti del settore: grandi lastre in ceramica, piastrelle in ogni formato, carte da parati, pavimenti in legno, arredo del bagno, docce, saune, vasche, rubinetteria e sanitari di design. Il successo della manifestazione è dato dai numeri. Lo scorso anno al Cersaie 2018 sono stati oltre 112mila i visitatori di cui il 50% stranieri (54.025) che hanno visitato i 161mila metro quadri dell’area espositiva del Salone.

ANTEPRIME

Stando alle prime anticipazioni, il materiale di tendenza dell’interior decoration che emergerà dal Cersaie 2019 è certamente la versatile ceramica, sempre più spesso utilizzata come materia d’arredo anche sotto forma di piatti doccia, mensole, rivestimenti dei mobili e lampade. Notevole la sua capacità di mixarsi a parquet, carte da parati e resine per un progetto sempre più personalizzato. A parete i rivestimenti sono oggi un sottile involucro all-over e formano una superficie continua, composta da lastre senza fughe visibili tra un elemento e l’altro per ottenere un look contemporaneo. In alternativa, creano boiserie ad alto impatto decorativo, che reinterpretano decori tradizionali come le cementine, coordinate e di colore e con pattern differenti, per realizzare composizioni sempre nuove.

La tendenza della ceramica a riprodurre fedelmente l’estetica dei marmi, con venature e colori più o meno marcati, è attualissima. Ai classici bianco di Carrara o Sahara noir si aggiungono però interpretazioni anche a schema libero. I designer della materia ceramica sono svincolati dalla riproduzione dal vero e conferiscono alle superfici una veste marmorizzata astratta, quasi un dipinto o una scagliola policroma, utilizzando colori e disegni di pietre fantastiche, provenienti da località esotiche. Pure l’effetto legno, un tempo mimetico, viene oggi interpretato dalla ceramica con grande libertà espressiva: listelli posati a spina di pesce, ma dai toni luminosi del rosa e del giallo, rivestono quinte e nicchie. E quando serve, la versatile lastra ceramica diventa mensola, piano porta lavabo, piatto doccia coordinato a pavimenti e pareti e, perfino, rivestimento delle ante.

I maxi formati contemporanei si posano senza fuga tra un elemento e l’altro, creano superfici continue effetto cemento, effetto marmo ed effetto legno.  E le alternative alla ceramica? Accanto al gres porcellanato, si affermano carte da parati impermeabili – adatte anche a rivestire la doccia – e parquet in legno, massello o prefinito e quindi di facile e veloce posa.

 

NON SOLO PRODOTTI

Cersaie 2019 è anche sede di importanti mostre culturali e approfondimenti tecnici. Primo tra tutti quello con Jakob+MacFarlan: lo studio di architettura parigino è ospite del programma culturale “Costruire, abitare, pensare” con una conferenza presso la Galleria dell’Architettura di BolognaFiere.

Più leggera, ma non per questo meno interessante, la mostra “Famous Bathrooms” allestita all’interno del Padiglione 30 della Fiera. Se è vero, come è vero, che il bagno è il regno del benessere, da arredare e personalizzare, l’allestimento presenta una serie di ambienti bagno collegati a tanti nomi di figure affascinanti della storia più o meno recente: dai Beatles a Sigmund Freud, da Coco Chanel a Piet Mondrain, da Le Corbusier a Maria Callas. I due curatori, Angelo Dall’Aglio e Davide Vercelli, hanno scelto un modello espositivo inedito – il focus della manifestazione sono comunque prodotti selezionati di alto design per il bagno esposti e ben rappresentati in ogni set – a metà tra la galleria d’arte e la classica fiera. A inaugurare la mostra, Philippe Daverio.

L’evoluzione del prodotto ceramico e dell’arredobagno, unito alla crescente importanza dell’edilizia non residenziale declinata nelle sue diverse forme, ha portato Cersaie a creare una nuova area tematica, Archincont(r)act: il format mostra la crescente importanza che i materiali da rivestimento, i sanitari e l’arredobagno hanno per quel settore comunemente identificato come contract che va dalle stazioni agli aeroporti, dagli alberghi ai pubblici uffici. Il nuovo spazio espositivo nel Mall del Padiglione 29 si estende su una superficie di 700 metri costruita mediante due ali espositive che confluiscono al centro in uno spazio conferenze e champagneria.

 

Come ogni anno, lo staff Edilnova visiterà il Cersaie per raccogliere i mood e le tendenze più attuali e presentarle alla propria clientela già dal mese di ottobre.

Vuoi saperne di più? Rimaniamo in contatto!

2 + 12 =

Share This